Contro Grillo anche il cecchino Aldo Grasso

Grillo fa paura e per tentare di abbattere il nemico scendono in campo anche i cecchini di mestiere della carta stampata come Aldo Grasso, critico televisivo che per l’occasione si occupa di politica. Lo fa occupandosi di televisione, ripescando nel calderone delle opere televisive del comico genovese. Le bolla come originali, non convenzionali, un po’ provinciali, ma nulla di più. Qualsiasi cosa abbia fatto Grillo, resta soltanto una scoperta di Pippo Baudo. L’acume dell’accademico Grasso si supera, quando afferma che, il poveretto nell’agone politico non fa che replicare lo schema trito e ritrito di quei programmi, beffeggiando gli avversari con la stessa tecnica irriverente. Il buffone che vuole farsi re utilizza argomenti di alta demagogia per portare il popolo dalla sua parte. Prendersela con le tasse, dice Grasso l’illuminato, dà agli evasori l’alibi per non pagarle. Che genio. Che genio (due volte). Peccato che in Parlamento da 20 anni ci sono uomini che parlano di secessione, che l’ex presidente del consiglio parla della magistratura come il peggiore dei mali e che metà del Parlamento parla dell’abbonamento alla Rai come una tassa facoltativa (solo per fare un esempio stupido), che altri parlamentari decidono il partito secondo la logica del “chi offre di più”, che la mignottocrazia è la nuova forma di governo del Paese. Grasso dice che Grillo è solo una scoperta di Pippo Baudo (ma chi non è la scoperta di qualcuno in tv?), parla dei suoi programmi televisivi, ma omette un piccolo, banale, particolare. Grillo può essere anche solo un comico, ma è l’autore di uno dei primi dieci blog del mondo. In Italia non c’è una tv che è tra le prime dieci del mondo. Non male per un buffone. Il consenso non è tutto, ma è quanto basta per considerare un uomo un interlocutore e non un buffone, anche se non ti paga lo stipendio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post Navigation