Processo ai Casamonica, Sugc e Fnsi parte civile accanto a Nello Trocchia

Il Sindacato unitario giornalisti della Campania, d’intesa con la Fnsi, si è costituito parte civile nel processo a quattro esponenti dei Casamonica che l’8 maggio del 2018 a Roma aggredirono il giornalista Nello Trocchia e l’operatore Giacomo del Buono, che, per la trasmissione della Rai Nemo, stavano documentando, insieme con la collega di La7 Micaela Farrocco, l’arresto di Antonio Casamonica e di Alfredo Di Silvio, ritenuti responsabili del pestaggio di una donna disabile e del titolare del Roxy Bar alla Romanina.
Il giudice ha ammesso la costituzione del Sindacato dei giornalisti, rappresentato dall’avvocato Giancarlo Visone, per tutti i reati contestati, anche per quelli che riguardano le botte ai poliziotti che si trovavano sul posto per garantire la sicurezza dei cittadini e per eseguire le ordinanze del giudice.
«Saremo al fianco di Nello Trocchia e a tutti i colleghi che vengono minacciati e aggrediti per garantire il sacrosanto diritto dei cittadini ad essere informati – affermano Fnsi e Sugc – È importante che i giornalisti non restino soli, anche nelle aule dei tribunali. È fondamentale dare segnali forti perché i cronisti possano continuare a fare il loro lavoro senza il timore di ritrovarsi isolati e, quindi, vulnerabili. Noi ci saremo, sempre. Ma c’è un clima pesante attorno a chi fa informazione. È necessario che la difesa della libertà di stampa non sia solo una cosa che riguardi una corporazione, come quella dei giornalisti, deve essere una battaglia di civiltà, una battaglia di tutti per la difesa di un bene comune e necessario per la democrazia del Paese».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *