Premio Annalisa Durante, Giulietti a Napoli: «Creiamo punti di lettura in tutta Italia»

Un appello a creare “punti di lettura” anche in altri territori, esattamente come si è cominciato a fare a Forcella. A lanciarlo è stato il presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana, Giuseppe Giulietti, a Napoli per la giornata dedicata ad Annalisa Durante, la ragazza uccisa dalla camorra 16 anni fa. L’evento è stato realizzato nel giorno che sarebbe stato quello del suo trentesimo compleanno.
«È importante essere qui per ricordare Annalisa e per ringraziare chi ha deciso di aprire questo luogo e di usare la bellezza delle parole, dei suoni e delle immagini contro la camorra», ha affermato il presidente della Fnsi, che si è anche rivolto «a tutti gli editori e ai giornalisti» chiedendo di avviare una campagna di raccolta di libri «per alimentare punti di lettura a Napoli e in altre città d’Italia» e invitandoli a regalare volumi alla biblioteca “Annalisa Durante”, dove si è svolta la cerimonia del premio.
«Questo luogo – ha affermato Giulietti – mi ricorda altre famiglie che hanno trasformato il dolore in impegno ed è sbagliato quando a volte qualcuno dice ai ragazzi che mettere targhe non serve, perché invece commemorare significa trasformare il dolore in azioni».  E ai ragazzi il presidente della Fnsi ha detto: «Diffidate di chi urla senza mai dare un dato, di chi ha bisogno di urlare perché non è in grado di argomentare».
Giulietti ha infine rivolto un abbraccio a Patrick Zaky, lo studente egiziano dell’università di Bologna incarcerato al rientro nel suo Paese: «Dobbiamo chiederne la liberazione. La sua è una storia diversa ma che ricorda quella di Giulio Regeni che non ha ancora avuto verità», ha concluso.
Tra i primi firmatari del “Patto locale per la lettura” con le associazioni che operano sul territorio, anche il Sindacato unitario giornalisti della Campania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *