Frasi sessiste, il SUGC: il collega va accompagnato alla porta. L’Ussi: chiederemo scusa alla guardalinee


Le parole pronunciate dal giornalista Sergio Vessicchio nei confronti dell’assistente di gara della partita di calcio Agropoli-Sant’Agnello Annalisa Moccia sono inaccettabili. Non contento il telecronista ha ribadito il suo pensiero sui social network. Bene farà l’ordine ad aprire un nuovo procedimento nei confronti di questa persona, già sospesa dall’albo per 11 mesi. Ci aspettiamo una sentenza esemplare. Le regole della professione sono sacre e sono una garanzia soprattutto per i cittadini. In un momento in cui la nostra professione è sotto attacco abbiamo bisogno di recuperare credibilità attraverso l’azione decisa dei nostri organismi, che, quando è necessario, devono accompagnare alla porta chi non rispetta le regole della professione. È quanto affermano il direttivo del SUGC e la presidente della Commissione pari opportunità Cristina Liguori. 
Il presidente e il segretario dell’Ussi Campania, Mario Zaccaria e Pier Paolo Petino hanno già manifestato la volontà del gruppo dell’Unione stampa sportiva, che ha fatto formale richiesta all’Aia, di porgere personalmente le scuse alla guardalinee da parte dei giornalisti sportivi campani nell’ambito di una manifestazione.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *