Forum delle culture, gestione alla NapoliServizi

La prima riunione operativa sul futuro della governance del Forum delle Culture è finita con una sola decisione, quella di confermare l’attuale comitato scientifico. È stata esclusa anche l’ipotesi di nominare il vicecapo di gabinetto del sindaco Sergio Marotta, presidente della Fondazione. Tutto è stato rinviato alla settimana prossima. Sul tavolo ci sono, ora, tre ipotesi strutturali sulle quali lavoreranno in questi sette giorni i capi di gabinetto di Comune e Regione, Attilio Auricchio e Danilo Del Gaizo. Si tratta di una decisione tecnica che dovrà definire la struttura più snella ed efficiente per la gestione dei fondi e la realizzazione dell’evento e, soprattutto, l’ipotesi che avrà l’impatto economico meno traumatico. L’altra variabile fondamentale da prendere in considerazione è il tempo: bisogna fare in fretta, bisogna essere operativi al più presto possibile. La Fundació di Barcellona ha gli occhi puntati su Napoli, la settimana prossima i vertici saranno di nuovo qui per esaminare i progressi. Se salta tutto, sarà un fallimento anche per l’organizzazione spagnola che ha deciso di puntare sulla città partenopea. Tre le ipotesi al vaglio dei tecnici: ristrutturare la Fondazione, creare una unità autonoma di progetto all’interno del Comune (una società di scopo), passare la gestione dell’evento ad una società in house dell’Amministrazione comunale (e l’unica Partecipata che rispecchia tutti i requisiti richiesti è la NapoliSociale). Sulla Fondazione il giudizio del sindaco Luigi de Magistris è stato netto ed estremamente negativo. Tra l’altro, la ristrutturazione comporterebbe il ripianamento dei debiti da parte di Regione e Comune, una modifica dello Statuto, le nomine di un nuovo Consiglio di amministrazione e un nuovo direttore generale. Tempi troppo lunghi. L’unico aspetto positivo legato a questa struttura è la possibilità di gestire direttamente le risorse europee messe a disposizione dalla Regione. Per quanto riguarda la creazione di una unità autonoma di progetto all’interno del Comune, gli aspetti positivi sono legati all’organizzazione della società, che rispecchierebbe i criteri di leggerezza ed efficienza richiesti; gli ostacoli sono rappresentati, invece, dalla possibilità di utilizzare direttamente i finanziamenti. E l’ipotesi per superare questo ostacolo è, appunto, quella di utilizzare una società in house del Comune. È questa per ora la soluzione strumentale più accreditata. In questo modo Palazzo San Giacomo potrà gestire direttamente l’evento. Chiaramente per alcuni servizi bisognerà fare riferimento a professionalità esterne (cosa che, comunque, veniva già fatta con la Fondazione). Per la gestione degli eventi resta l’ipotesi avanzata dal sindaco, il Comune si occupa di quello che viene realizzato a Napoli (l’80% delle manifestazioni), la Regione del resto. Insomma, in pochi giorni si dovrà fare, bene, quello che è stato fatto, male, in più di 4 anni: creare una governance. Da quando Napoli si è aggiudicata l’evento nel 2007, infatti, non è stato fatto altro, visto che la Fondazione è stata creata nel giugno 2010, perfezionata nell’ottobre dello stesso anno e modificata l’anno successivo. Mesi preziosi si sono perduti, poi, tra il siluramento del vecchio presidente Nicola Oddati, le dimissioni di Roberto Vecchioni a cui sono seguite altre defezioni a catena. Un vero disastro. Ora serve il rimedio. L’aspetto positivo è rappresentato dall’intesa ritrovata tra il sindaco e il governatore Stefano Caldoro.

pubblicato su il Giornale di Napoli del 28 febbraio 2012

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post Navigation